Ogni anno sono sempre più orgoglioso di essere un volontario

21 dicembre 2016 di Gianluca D’Elia | tag:

condividi »

Buongiorno Primo Volontario.
Se avessi scritto al Presidente avrei usato il “lei”, ma sto scrivendo al volontario e, sperando di non offendere, uso il tu.
Grazie per quello che hai fatto e per quello che fai ogni giorno in Fondazione.
Grazie perché ogni anno sono sempre più orgoglioso di essere un volontario e questa mia passione riesco a trasmetterla al gruppo di persone che scendono in piazza ogni anno al mio fianco sempre più numerose e motivate.
Grazie perché durante le giornate che dedico ai progetti della Fondazione ho la fortuna di incontrare persone favolose, conoscere storie toccanti e ricevere centinaia di sorrisi dai bambini a cui regaliamo un palloncino.
E’ bello essere in piazza o nei negozi Prenatal e ricevere in diretta le notizie sui grandi miracoli che le equipe mediche compiono in giro per il mondo…
E’ stato bello sapere che ogni centesimo che entrava nella scatoletta delle offerte andava immediatamente in Cambogia dove il dott. Marianeschi stava operando nello stesso momento.

Non riesco ad esprimere la mia gioia quando ho saputo che tra pochissimi giorni verrà inaugurata la scuola a Norcia, ma posso farti immaginare il mio orgoglio quando facevo vedere sul mio tablet le foto con i progressi della costruzione a clienti Prenatal.
Ed adesso il motivo principale della mia mail.
Tralascio il particolare delle mie lacrime quando ho letto la mail della piccola Martina a Babbo Natale
So che farai di tutto per essere presente all’inaugurazione.
Ed ecco la mia richiesta: ho chiesto a Martina dell’Ufficio Volontariato di consegnarti due cuoricini per quali ho fatto un’offerta.
Sarebbe bello che uno dei due tu lo appendessi all’albero di Natale che hanno fatto i bambini d Norcia vicino alla nuova scuola.
E sarebbe bello che l’altro fosse appeso per sempre all’interno della nuova struttura.
E’ un piccolo segno che unisce i bambini che vengono aiutati all’estero con bimbi aiutati in Italia, perché per i bambini le divisioni religiose e geopolitiche non esistono; al tempo stesso è un segno di vicinanza e speranza da parte di tutti i volontari della Fondazione.

Perché, in fondo, il cuore di ogni singolo volontario è presente in ogni progetto della Fondazione.
Se puoi, abbraccia ogni bimbo d Norcia e dì loro che il tuo abbraccio è anche il nostro abbraccio.
Loro lo sentiranno e lo capiranno
.
Buon Natale.
….e “grazie”. Di cuore.

Luca