Stefano Marianeschi

Nato a Terni, sposato, 2 figlie, il Dott. Stefano Marianeschi è un medico cardiochirurgo, Responsabile della Cardiochirurgia Pediatrica dell’Ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano ed è volontario di Mission Bambini. Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” nel 1985. Specializzato in Chirurgia Toracica e Cardiovascolare presso l’Università degli Studi di Siena nel 1990, possiede una seconda Specializzazione in Medicina e Cardiologia dello Sport presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma conseguita nel 2000.
La sua carriera professionale inizia presso l’Ospedale Bambino Gesù di Roma che frequentava già prima della laurea dal 1983. Medico frequentatore, borsista ricercatore, specializzando, assistente, presso uno dei primi centri di cardiochirurgia pediatrica italiani. La sua esperienza all’estero inizia nel 1996 con una Research fellowship presso l’Università della California di San Francisco.

Il suo incontro con Mission Bambini come medico volontario avviene nel 2010: il suo compito è quello di andare in missione ad operare i bambini cardiopatici che nascono nei Paesi più poveri, dove non ci sono medici in grado di realizzare le operazioni più complesse. Inoltre il Dr. Marianeschi tiene durante le missioni momenti formativi per i medici del posto, sulle tecniche utilizzate durante gli interventi.

Emozioni forti, che non si possono dimenticare

13 febbraio 2015 di Stefano Marianeschi

Credo ci siano pochissimi mestieri in grado di donare le emozioni, fortissime (per fortuna in larga parte positive), che quotidianamente raccoglie un cardiochirurgo pediatrico. Emozioni che solo gli occhi di un bambino possono regalare. Quegli occhi che incontri prima di un intervento chirurgico: sono curiosi, indagatori, carichi di tensione, capaci di inchiodarti a responsabilità enormi. […]

continua »

10 regole da seguire per tenere in forma il tuo cuore

6 febbraio 2015 di Stefano Marianeschi

Il cuore è la pompa che permette al nostro organismo di vivere, irrorandolo incessantemente di sangue ossigenato. Ecco perché dobbiamo impegnarci per proteggerlo, avendo chiaro in mente che è composto quasi interamente di fibre muscolari e come tale può essere allenato per funzionare meglio. Il primo punto quindi ed il più importante che metterei in […]

continua »