E’ venuta a trovarci dall’Eritrea Suor Abrehet Solomon

11 giugno 2015 di Chiara Parisi | tag: , ,

condividi »

Suor Abrehet Solomon, responsabile del progetto di Sicurezza Alimentare in Eritrea, ha incontrato lo staff di Mission Bambini presso la sede di Milano.

bimbaSuor Solomon ha raccontato di come arrivino al Villaggio di Tokontà bambini malnutriti di 5 anni che ne dimostrano uno e mezzo e di come sia importante intervenire subito per aiutarli a recuperare peso ed evitare danni permanenti nella crescita.

Ci ha raccontato del progetto di donazione degli ovini alle famiglie dei bambini malnutriti, che sta dando buoni risultati. Nell’arco di un anno le famiglie a cui sono state donate le capre, si ritrovano con 4 o 6 animali, che si trasformano quasi in 10 nel giro di 2 anni. 10 capre per una famiglia sono già un buon aiuto per l’alimentazione; grazie al latte possono realizzare yogurt, burro, e saltuariamente utilizzano anche la carne. Le Suore di Sant’Anna hanno instaurato un processo di solidarietà all’interno del villaggio, chiedendo alle famiglie a cui vengono donati gli ovini, di restituire il primo agnellino nato alla comunità, donandolo a una famiglia che ne ha bisogno.

Suor Salomon ci ha raccontato inoltre dell’importante lavoro di formazione che viene fatto ogni mattina alle donne che frequentano il centro e dei seminari di formazione per le giovani mamme dai 18 ai 35 anni, che vengono realizzati periodicamente.
Dal 2009 a oggi oltre 5.000 mamme hanno partecipato a questi seminari e ottenuto formazione sui principali problemi igienico sanitari, su gravidanza e parto, sulla corretta alimentazione per i bambini nei primi anni di vita, su prevenzione e controlli sanitari necessari legati all’HIV, su igiene domestica e ambientale e febbri reumatiche, di cui soffre il 4% degli studenti eritrei.

I risultati di questa formazione iniziano a toccarsi con mano: i bambini, nei primi anni di vita, ricevono spesso un’alimentazione più adeguata alle loro esigenze. Molte donne si presentano spontaneamente per effettuare i test dell’HIV, mentre anni fa la malattia era considerata una vergogna e si rifiutava ogni esame. Molte donne inoltre vanno a partorire negli ambulatori gestiti dalle Suore, invece che restare a casa, con maggiore sicurezza per la mamma e il bambino.

Risultati incoraggianti che confermano la bontà degli interventi avviati!

Un incontro breve ma intenso, quello con Suor Solomon, in cui è emersa tutta la sua dolcezza e la passione per la missione che sta portando avanti da tanti anni, anche grazie al nostro aiuto e soprattutto a quello dei nostri donatori.

Abbiamo bisogno del tuo click per regalarci un voto. Un voto che aiuterà 400 bambini dai 6 mesi ai 5 anni che vivono in Eritrea a combattere la malnutrizione e crescere sereni.
C’è tempo solo fino alle ore 12.00 del 16 giugno!!! Vota subito, è importante, non aspettare!
Vota su www.braccialettiverdi.it!