La storia di Elise, sostenuta con l’adozione a distanza

30 marzo 2017 di Alessia Gilardo | tag: , ,

condividi »

Dietro ad ogni foto che arriva sulle nostre scrivanie per essere spedita ai nostri donatori, c’è una storia fatta di difficoltà, speranze e sogni. Sogni che, molto spesso, si avverano. Sogni che ci danno l’entusiasmo per lavorare ogni giorno per rendere concrete possibilità di riscatto. Sogni per cui gioiamo ogni volta che diventano realtà.

Elise nel 2006

Come il sogno avverato di Elise (nome di fantasia), bambina del Madagascar che è entrata nel nostro programma di adozioni a distanza nel 2006.
Elise è cresciuta con i suoi 8 fratelli e la sua mamma. Il suo papà ha sempre lavorato in miniera in una località lontana; Elise fin da piccola ha aiutato sua mamma nella crescita dei fratelli e nelle faccende di casa.
Proprio in motivo di questo suo ruolo, Elise è entrata per la prima volta a scuola più tardi dei suoi coetanei: a 9 anni ha iniziato a frequentare le lezioni, a imparare a leggere, a scrivere e a contare.
In poco tempo Elise ha subito dimostrato di non voler rimanere “indietro” a nessuno: si è impegnata fin dal primo giorno a studiare e ad apprendere.

Non aveva nessuna intenzione di farsi scappare il suo sogno: diventare un medico, in particolare un’ostetrica.
Sono passati 11 anni da quel giorno in cui Elise ha aperto per la prima volta un libro nella scuola elementare “Espoir” (vicino ad Antananarivo) ed ora è sui banchi dell’Università, dove arrivano solo i migliori studenti di tutto lo Stato.

E’ cresciuta, si è trasferita in una grande città e ha nuovi amici.
Ma la sua determinazione è quella che abbiamo incontrato nei suoi occhi anni fa: i sogni si possono raggiungere!

Elise oggi

Grazie di cuore al donatore che ha sostenuto con l’adozione a distanza la crescita di Elise e le ha permesso di raggiungere questo traguardo!

Cambia anche tu la vita di un bambino! Attiva un’adozione a distanza!