Scuola e futuro

3 maggio 2016 di Goffredo Modena | tag: , ,

condividi »

Care Amiche, Cari Amici,
desidero con questo mio messaggio richiamare la vostra attenzione su un tema che personalmente ritengo cruciale per il nostro futuro e sul quale l’impegno della Fondazione è cresciuto molto negli ultimi anni: il tema della scuola.

In Italia abbiamo oltre 41mila scuole: è la più grande “infrastruttura sociale” del Paese.
Qui le nuove generazioni apprendono cultura e sapere, crescono attraverso le relazioni e il confronto, si preparano a diventare protagoniste.
Ma la scuola non è un mondo a sé, un mondo chiuso. La scuola ha come attori non solo gli studenti, ma anche i loro genitori, gli insegnanti. E sempre più le scuole si aprono al territorio, oltre i tempi classici della didattica. Per diventare luoghi di aggregazione, integrazione e inclusione sociale. Luoghi di cittadinanza attiva, dove i giovani possono essere educati alla cura dei beni comuni, oltre i confini angusti dell’aula.

Bene, la scuola è un tema che a noi di Mission Bambini interessa molto, e non da oggi. Ci interessa innanzitutto che nessuno “rimanga indietro”: uno studente che abbandona la scuola, che futuro può costruirsi? Avrà maggiori difficoltà nel mondo del lavoro, meno opportunità.
Ecco allora che attraverso il nostro Programma “Prima la scuola!” (avviato nel 2006) diamo un sostegno nello studio ai ragazzi con problemi scolastici. Non solo: dietro le difficoltà di apprendimento ci sono spesso situazioni familiari difficili, e allora diventa importante anche un supporto alla genitorialità.

Un altro aspetto è quello che riguarda gli ambienti scolastici.
È importante che i nostri studenti trascorrano le loro giornate in un ambiente che sia innanzitutto decoroso, ma anche
accogliente, allegro, bello. Anche questi sono aspetti positivi, una motivazione in più allo studio e all’impegno. Per questo attraverso il Programma “Genitori, ripuliamo le scuole” stiamo mobilitando i genitori, perché siano loro per primi a rimboccarsi le maniche per imbiancare, aggiustare, ripulire le scuole. E dare in questo modo l’esempio.

E una richiesta voglio farla anche a voi: quest’anno, quando compilerete la dichiarazione dei redditi, donate il vostro 5xmille a Mission Bambini. Utilizzeremo i fondi raccolti per rafforzare il nostro impegno a favore delle scuole in Italia e per l’educazione dei nostri figli. È vero, alle scuole devono pensare in primis lo Stato e gli Enti Locali. Ma è vero che come dimostrano le esperienze che sosteniamo e che vedono protagonisti genitori e volontari.

Contiamo anche sul vostro aiuto: grazie. Visitate la sezione del nostro sito dedicata al 5xmille: www.missionbambini.org/cosa-puoi-fare-tu/dona-il-tuo-5×1000

Goffredo Modena
Fondatore e Presidente Mission Bambini

scuola