Scuole: un bene comune di cui prenderci cura

19 maggio 2016 di Alberto Barenghi | tag: ,

condividi »

“Siamo in un mondo dove ci vogliono far passare che a nessuno importa di nessuno. E invece qui c’è gente che dopo una giornata di lavoro, probabilmente neanche facile, si mettono a disposizione per migliorare la qualità di vita di bambini che non conoscono. Non lo fanno perché in questa scuola ci sono i loro figli. E questo è bellissimo”.

Amazon

I dipendenti Amazon durante la giornata di volontariato a scuola

E’ la testimonianza di Roberta, un’insegnante della Scuola dell’Infanzia Ettore Ciccotti, in periferia a nord di Milano. Roberta è commossa di fronte ad un gruppo di una decina volontari (dell’azienda Amazon, che hanno dedicato una giornata di volontariato aziendale al supporto delle attività di Mission Bambini, ndr) che in un tardo pomeriggio si sono ritrovati per imbiancare le pareti della scuola e togliere la ruggine dalle cancellate. E’ bastato poco per ridare colore e un volto nuovo alla scuola. E’ bastato che un gruppo di persone mettesse a disposizione il proprio tempo.

La fotografia dello stato di manutenzione degli edifici scolastici in Italia è allarmante: degli oltre 41.000 edifici scolastici statali, quasi la metà avrebbero bisogno di manutenzione ordinaria o straordinaria. In particolare, dal Rapporto di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola, “quattro edifici su dieci hanno una manutenzione carente e il 15% delle aule presenta distacchi di intonaco o segni di fatiscenza”.

Negli ultimi anni il Governo ha stanziato risorse che tuttavia non sono sufficienti e tengono poco in considerazione quanto il territorio e il volontariato possono dare, in termini di tempo ed energie. Ed è anche grazie al contributo partecipato dei cittadini che nascono le esperienze più belle e che le scuole si rinnovano.

La bellezza delle scuole è il fondamento perché gli alunni si sentano motivati, perché l’educazione dia i suoi frutti. Continua infatti Roberta: “In quartieri fragili come questi, dove sono scarse le possibilità di vivere in ambienti curati e colorati, frequentare la scuola in un contesto vivace, allegro e pulito è ancora più importante”.
Le scuole sono il bene comune di maggior importanza per il nostro paese. Sono i luoghi dove si formano le nuove generazioni, dalle quali dipende il futuro di tutti noi. Se sapremo dargli un volto bello e accogliente, allora anche il nostro futuro sarà tale.

 

Dona il tuo 5×1000 a Mission Bambini

Il Programma “Genitori, ripuliamo le scuole” è stato avviato da Mission Bambini nel 2015 per rendere gli edifici scolastici più belli e decorosi, tramite interventi di manutenzione ordinaria partecipata (realizzati da volontari, in particolare i genitori degli studenti). Nel 2015 sono state 12 le scuole oggetto di manutenzione a beneficio di 4.600 studenti e con il coinvolgimento di 330 volontari. Nel 2016 grazie al 5×1000 il nostro obiettivo è di raddoppiare il numero di progetti sostenuti, grazie al Bando promosso insieme a Fondazione CON IL SUD. Attraverso il Bando stiamo selezionando almeno 15 scuole a cui verranno destinati 300.000 euro per interventi di manutenzione ordinaria partecipata, che comprendono: tinteggiature di aule, corridoi e mur

Firma nella casella del Volontariato e inserisci il codice fiscale della Fondazione Mission Bambini: 13022270154.