La storia di Moeun: rinata a 9 anni

25 settembre 2017 di Alex Gusella | tag: , ,

condividi »

Moeun ha 9 anni, è nata in una zona rurale della Cambogia e vorrebbe correre e giocare come gli altri bambini della sua età. Ma non può e non sa perché. Fino a quando un medico venuto da lontano le spiega che è in pericolo di vita. Non tutto è perduto: con un’operazione può essere salvata.

Un desiderio semplice

La piccola Moeun ha un desiderio semplice: quello di correre e giocare con i suoi amici. Ma quando ci prova sente forti dolori al petto, respira a fatica, è subito stanca. La mamma è preoccupata: i medici del vicino ospedale le hanno detto che la bambina ha un problema al cuore, ma non sanno come intervenire.

La malformazione congenita e l’operazione

Quel problema al cuore è una rara malformazione congenita: a spiegarlo a Moeun e alla sua mamma sono altri medici, venuti da lontano. La vita di Moeun è in pericolo: per salvarla è necessaria una delicata operazione di cardiochirurgia. Il 5 dicembre 2016 la bambina viene ricoverata all’Angkor Hospital for Children di Siem Reap. Pochi giorno dopo, saluta sorridente dal letto d’ospedale con a fianco la sua mamma: l’intervento è perfettamente riuscito. Moeun è guarita per sempre e potrà fare una vita normale, correre e giocare come gli altri bambini della sua età.

Moeun-cuore-di-bimbi

Moeun e la sua mamma sorridenti in ospedale, dopo l’operazione salva-vita.

Tanti bambini in pericolo come Moeun

Nei Paesi più poveri del mondo, migliaia di bambini cardiopatici come Moeun non possono essere curati per mancanza di medici e ospedali attrezzati. La Fondazione Mission Bambini raccoglie fondi per organizzare missioni di medici italiani volontari all’estero, o per portare i bambini in Italia con i viaggi della speranza. In 10 anni, sono già stati salvati attraverso un’operazione di cardiochirurgia pediatrica 1.761 bambini.

Cuore di bimbi: aiutaci anche tu

Il prossimo obiettivo è di salvare altri 320 bambini nati con il cuore malato in Birmania, Cambogia, Uganda, Zambia e Zimbabwe. Aiutaci anche tu: scopri come sostenere il Programma “Cuore di bimbi”.