Terremoto: una nuova mensa a Cittareale

22 giugno 2017 di Alex Gusella | tag: ,

condividi »

Ascoltare il nostro inno nazionale cantato da una ventina di bambini in una giornata piena di sole, alla presenza di un centinaio di persone radunatesi per l’occasione in un piccolo angolo fuori dal mondo, in mezzo ai monti dell’appennino centrale: il tempo sembra sospeso, l’emozione prende il sopravvento.

Il trauma del terremoto

Questi bambini, le loro famiglie, hanno vissuto il trauma del terremoto: hanno perso parenti e amici, hanno visto la loro casa distrutta, si sono ritrovati in mano i cocci di una quotidianità andata in frantumi, senza sapere bene che farsene. Siamo a Cittareale, un piccolo comune della provincia di Rieti duramente colpito dalla scossa del 24 agosto 2016, a 20 chilometri da Amatrice.

La forza della solidarietà post terremoto

Eppure oggi questi bambini sono qui a cantare, a cantare che “L’Italia s’è desta”. Sono qui perché anche loro si sono rialzati, insieme alle loro famiglie, hanno reagito, hanno provato a riprendersi in mano quella vita che sembrava spezzata. Ci hanno provato, e ci sono riusciti, anche grazie alla solidarietà di quanti non sono rimasti indifferenti al loro dramma e hanno deciso di fare qualcosa, di dare un aiuto concreto.
È il 25 maggio, siamo qui a Cittareale per l’inaugurazione della nuova “Mensa dei bambini”: una struttura realizzata da Mission Bambini in accordo con l’amministrazione comunale, con il MIUR e in collaborazione con l’Associazione Gruppo Volontari della Brianza. La mensa è posizionata di fianco alla scuola dell’infanzia e primaria realizzata sempre a seguito del sisma e inaugurata a fine novembre.

Un passo dopo il terremoto, verso la normalità

Finalmente i nostri bambini non saranno più costretti a passare lunghi pomeriggi nei container” ci racconta qualche mamma. Sì, nei container, perché qui molte famiglie ancora una casa vera non ce l’hanno. E la scuola i bambini la frequentavano solo al mattino, non potendo pranzare in loco e abitando – molti – a decine di chilometri di distanza. Ma ora c’è la mensa: è lì che mangeranno i bambini, insieme alle insegnanti e ai dipendenti di alcuni uffici comunali allestiti in altri container nelle vicinanze. E dopo il pranzo potranno riprendere la scuola.
“La paura che il mondo ci avrebbe dimenticato dopo quel 24 agosto è stata forte, ma grazie alla solidarietà questo incubo è stato cancellato e oggi la nostra comunità è qui a festeggiare un altro importante passo verso la normalità”: le parole del Sindaco di Cittareale Francesco Nelli confermano l’importanza del nostro intervento.

Grazie a…

Un intervento quello della mensa di Cittareale di cui Mission Bambini si è fatta promotrice, e che si aggiunge alla nuova scuola per l’infanzia inaugurata a Norcia a fine dicembre. Un intervento che però non sarebbe diventato realtà senza il sostegno di tanti donatori privati e di tante aziende, associazioni e professionisti che vogliamo qui ringraziare: l’Associazione Gruppo Volontari della Brianza, che ha contribuito alla progettazione e realizzazione dell’opera e che ha fornito gli arredi per la mensa; le aziende principali donatrici: FinecoBank, Ford Fund, Sella Gestioni, FARO Club e i suoi Partners, Penny Market; le altre aziende e associazioni che hanno contribuito: Clifford Chance, Keysight Technologies Italy, Quochi di Quore, QBE Insurance (Europe) Limited, Linklaters, TNT Italy, Cuore Fratello onlus. Ringraziamo inoltre l’Ing. Antonio Masci, Erre.gi Costruzioni, R.S. Costruzioni e Restauri srl per il sostegno nella realizzazione del progetto.

Non ci fermiamo qui: altri interventi sono già in cantiere, continuate a sostenerci e insieme potremo ridare ancora tanta speranza e fiducia nel futuro alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto.