Chiara, dai viaggi per il mondo all’Ufficio Progetti

19 luglio 2018 di Arianna Nobili | tag:

condividi »

Sono Chiara Martelli, ho sempre avuto sete di conoscenza verso luoghi con lingue e culture diverse e grazie ai miei genitori e alla mia scuola superiore ho avuto la grande possibilità di viaggiare molto in Europa e America del Nord e aprire così i miei orizzonti.

All’inizio del mio percorso universitario come Mediatrice Linguistica e Culturale non avevo ben chiaro cosa fare “da grande”, sapevo solo che avrei voluto fare un lavoro che mi permettesse di viaggiare, di conoscere e aiutare l’altro. Per questo ho scelto di specializzarmi in Cooperazione Internazionale, non sapendo bene cosa avrei voluto fare dopo. Un’idea più precisa ha iniziato a delinearsi dopo la mia prima esperienza di volontariato in Etiopia, quando, con un’altra volontaria abbiamo ideato un mini progetto e raccolto fondi per aiutare una famiglia di quel luogo che tanto aveva “stravolto” le nostre vite e volevamo trovare un modo per aiutare.

Mi sono così resa conto che mi piaceva progettare, ideare o realizzare progetti che dessero la possibilità di garantire il benessere di altre persone in particolare di bambini come quelli incontrati in Etiopia, che hanno una grande voglia di imparare, ma spesso, purtroppo non hanno i mezzi e il modo di poterlo sfruttare, solo per il fatto di essere nati in luoghi che non riescono a garantire loro le stesse risorse. Da allora ho iniziato a formarmi per poter poi lavorare nell’ambito della progettazione.

A maggio dello scorso anno, mentre stavo svolgendo a Roma uno stage post-laurea nell’ufficio progetti di un’organizzazione  con la quale ero precedentemente partita per il mese di volontariato in Etiopia, ho preso in considerazione di fare domanda per il Servizio civile. E’ stata proprio una mia collega di quell’organizzazione a consigliarmi in tal senso: fino ad allora mi immaginavo il Servizio Civile come un’esperienza per i ragazzi diplomati che non sapevano se proseguire gli studi o se entrare nel mondo del lavoro. Fino a quel momento stavo cercando stage presso uffici progetti di altre ong italiane, completamente all’oscuro di quest’opportunità di fare un’esperienza formativa e continuativa per un anno.

Navigando nel sito del Servizio Civile alla ricerca di un ente che mi permettesse di fare esperienza in un ufficio progetti, ho trovato diversi enti che mi davano quest’opportunità, ma sono stata fin da subito colpita da Mission Bambini per la gentilezza e la disponibilità dimostrata dai colleghi nel rispondere a tutti i miei dubbi e domande.

Chiara alla sua postazione di lavoro nell’Ufficio Progetti di Mission Bambini

All’interno della Fondazione ho diversi compiti che mi vengono affidati dai colleghi dell’ufficio progetti: aiuto nell’organizzazione delle missioni di Cuore di Bimbi, nella preparazione degli incontri formativi per i volontari in partenza per l’estero e successivamente nell’organizzazione dei viaggi dei partenti, nella valutazione di alcuni progetti, nel supporto della rendicontazione del bando Occupiamoci e nella realizzazione di alcune azioni del Progetto Nove+, in particolare sui NEET e sulla raccolta fondi.

In questi ultimi anni ho fatto diverse esperienze di volontariato, tutte molto arricchenti, che mi hanno dato modo di crescere soprattutto dal punto di vista personale e mi hanno portata a continuare il mio percorso lavorativo nel mondo della cooperazione.

Consiglierei assolutamente questo tipo di esperienza, soprattutto ai miei coetanei giovani cooperanti che hanno desiderio di formarsi e arricchire il loro bagaglio professionale. Trovo che sia stata un’ottima scelta per iniziare a capire cosa significhi lavorare nel mondo della cooperazione e sento di aver imparato molto dai miei colleghi che mi hanno insegnato con pazienza e fatta sentire parte di un team.

Chiara Martelli

 

Sono aperte le candidature per 3 volontari del Servizio Civile che lavorino insieme a noi da dicembre 2018 nella nostra sede di Milano. Se hai dai 18 ai 28 anni, vivi anche tu un’esperienza formativa come quella intrapresa da Chiara! -> https://bit.ly/2KShhvh