Il lascito di Bianca, da Torino al Kenya

22 gennaio 2018 di Alex Gusella | tag:

condividi »

8 novembre 2017, Bomet, Kenya. Per i bambini della Mosop School è un giorno di festa: finalmente hanno un bus tutto nuovo che sostituisce quello che si era rotto in maniere irreparabile a fine 2016. Grazie al nuovo bus, cinquanta bambini che abitano nei villaggi più lontani (fino a 20 chilometri) potranno riprendere a frequentare la scuola. Circa due anni prima, il 20 luglio 2015 a Torino, Bianca Cambursano usciva dagli uffici del notaio più serena, con la certezza che le sue ultime volontà avrebbero reso più bello il futuro di tanti bambini. Tra loro – anche se ancora non poteva saperlo – grazie al lascito di Bianca ci sarebbero stati anche i bambini di Bomet.

Il Lascito Solidale di BiancaBianca: una persona semplice

Bianca Cambursano, una persona semplice, ma con una sensibilità in grado di superare distanze e generazioni, è mancata a fine ottobre 2016. Nata il 23 dicembre 1926 a Torino, in una famiglia normale, era una persona istruita e molto intelligente. All’età di vent’anni, aveva iniziato a lavorare in banca. Dopo essersi sposata con il signor Lavagno, agente di cambio, smise di lavorare dedicandosi alla casa. Nel cuore un sogno: avere dei bambini. Un sogno che però non ha mai potuto realizzare. Moglie attenta e solerte, è stata vicino al marito fino alla fine, quando mancò per un male incurabile.

Il lascito di Bianca, per una nuova famiglia

Dopo la morte del marito, Bianca trovandosi sola inizia a pensare a quale avrebbe potuto essere la sua “nuova famiglia”, quella a cui affidare i suoi affetti, le sue ultime volontà e speranze. Decide così di fare testamento e di destinare una parte dei suoi beni ai bambini più fragili. “Il suo desiderio era quello di sostenere organizzazioni serie e ben gestite – racconta Franco Sala, esecutore testamentario di Bianca Cambursano. Voleva dare il suo aiuto dove c’era più bisogno, e soprattutto per i bambini, forse i figli che non aveva mai avuto”.

Il lascito di Bianca: la scelta di Mission Bambini

E così nel suo testamento la signora Bianca Cambursano decide di indicare 10 enti beneficiari, tra i quali anche Mission Bambini, a cui decide di destinare un lascito importante. “Oltre a essere enormemente riconoscenti verso la signora Cambursano per il suo grande dono, abbiamo l’impegno di dare un futuro alle sue volontà – commenta Goffredo Modena, Presidente di Mission Bambinie il modo migliore per farlo sarà aiutare più bambini possibile”.

Il lascito di Bianca: un aiuto per i bambini del Kenya

Nel 2017, grazie a una quota del Lascito Cambursano, Mission Bambini ha potuto aiutare più di 700 bambini. Tra le attività più importanti: l’acquisto del bus per i bambini della scuola di Bomet in Kenya, il sostegno a percorsi di inserimento occupazionale per i giovani in Italia, un contributo per la realizzazione della mensa a Cittareale (comune colpito dal terremoto dell’agosto 2016). In cantiere ora c’è la ristrutturazione di un centro per bambini di strada a Kinshasa in Kenya. Il cuore grande di Bianca Cambursano tornerà a portare aiuto oltre il tempo e le distanze. Grazie Bianca, a nome di tutti i bambini che abbiamo aiutato e di quelli che aiuteremo.

Perché un lascito a Mission Bambini

Noi crediamo nei bambini e sogniamo un mondo in cui i bambini possano avere tutti l’opportunità e la speranza di una vita degna di una persona. Un mondo in cui tutti i bambini, senza discriminazioni di sesso, religione o appartenenze sociali, possano non solo soddisfare i propri bisogni primari, ma abbiano anche la possibilità di sperare e credere nel futuro che rappresentano.

Con un lascito a Mission Bambini ci aiuterai a realizzare progetti articolati e duraturi nel tempo, che abbiano un impatto positivo sulla vita quotidiana dei bambini e sul loro futuro.

Per maggiori informazioni sui Lasciti Solidali

Richiedi gratuitamente la Guida Lasciti di Mission Bambini oppure contatta:
Chiara Locorotondo, referente Lasciti Solidali Mission Bambini
tel. 02 21.00.24.209
email chiara.locorotondo@missionbambini.org